Specie di vespe e api

Nel mondo si possono trovare centinaia di specie di vespe, api e calabroni. Solo alcuni di questi sono considerati veri parassiti. 

Alcune specie, come l'ape mellifera, sono di fatto una parte importante del nostro ecosistema. Capire le loro abitudini, il loro ciclo di vita e il loro aspetto può aiutare a identificare la differenza tra vespe e api, agendo di conseguenza. 

Api e vespe sono insetti sociali e si suddividono in caste. 

  • Le api più comuni sono le api domestiche. Svolgono un importante ruolo nell’impollinazione delle piante e producono il miele. La loro sopravvivenza dipende unicamente da fiori e sostanze vegetali. 
  • Le vespe vivono nei favi (nidi), come le api, ma non producono miele. Si nutrono della carne di altri insetti e prediligono sostanze alimentari zuccherine. 

Appartengono alla famiglia delle vespe anche i calabroni, molto più grossi delle vespe e delle api, a volte vengono definiti in modo gergale vespe giganti

Vespa comune, di terra e cartonaia

(Famiglia: Vespidae, e.g. Vespula Vulgaris & Vespula germanica)

Esistono due specie di vespe molto diffuse in Europa: la vespa comune (Vespula volgari), e la vespa tedesca (Vespula germanica) o di terra. 

Esiste anche la vespa cartonaia (Polistes gallicus) che si differenza dalle altre perché crea nidi appesi a grondaie e balconi, con un solo favo orizzontale. Tra le vespe infestanti è la meno aggressiva. 

In genere le vespe, una volta all'interno, preferiscono costruire nidi in posizioni riparate con facile accesso all'esterno, come soffitte, garage e intercapedini. All'esterno possono annidarsi in vecchie tane di roditori, nei cavi degli alberi e nei cespugli.

Vespa germanica

Aspetto

  • Corpo giallo e nero, con segni che variano secondo la specie. 
  • Le vespe operaie hanno dimensioni variabili da 12 a 17 mm.

Ciclo vitale e abitudini

  • Solo le giovani regine sopravvivono in inverno ed emergono in primavera per iniziare la costruzione del nido e la deposizione delle uova. 
  • Le vespe operaie (femmine sterili) appaiono all'inizio dell'estate e continuano a costruire il nido La regina continua a deporre le uova. 
  • Le nuove regine e i maschi si accoppiano all'inizio dell'autunno. 
  • Il nido muore in inverno, compresi tutti i maschi e le operaie. 
  • Le vespe non sciamano. 
  • Si nutrono preferibilmente di insetti e sostanze dolci. 
  • Le femmine pungono prontamente e ripetutamente. 
  • Una colonia può contenere anche 25.000 individui.

Calabrone europeo

(Vespa crabro)

Il calabrone europeo è un fastidioso infestante, grande predatore di api e temuto anche dall'uomo per le sue grandi dimensioni. Il calabrone viene gergalmente definito vespa gigante ed è, ad oggi, il più grande vespide europeo.

Calabrone europeo

Aspetto

  • I nidi (vespai) sono particolarmente imponenti, di forma sferica contengono celle disposte su piani orizzontali. 
  • Vespai costruiti all'interno di cavità negli alberi, in camini o anfratti di muratura, e possono accogliere fino a 300-500 esemplari. 
  • Il calabrone femmina può raggiungere i 5 cm di lunghezza, mentre i maschi e le operaie restano sui 2-2,5 cm. 
  • I calabroni possono diventare una minaccia per l'uomo in prossimità dei loro nidi

Ciclo vitale

  • E’ probabile trovare i loro nidi in Primavera. 
  • La maggior parte di questi insetti muore in autunno. 
  • Solamente la Regina fertile supera la stagione invernale.

Abitudini

  • Nidificazione – Preferiscono realizzare i propri nidi in luoghi riparati come tronchi d’albero, cespugli, edifici, granai, solai, cavità delle pareti. I loro nidi sono grigi ed hanno una somigliano alla carta. 
  • Una colonia può raggiungere un numero di 700 operaie. 
  • Punture- Pungono solo se provocate. La puntura risulta dolorosa per l’essere umano. È in grado di mordere e pungere allo stesso tempo. Possono mobilitare l’intero nido per pungere al fine di difendersi il che è decisamente pericoloso per gli esseri umani. 
  • Alimentazione- Si nutrono di insetti e linfa. Non sono attratti dal cibo.

Vespa sociale

(Vespula)

Vespa sociale

Aspetto

  • Operaia - 1,25 cm di lunghezza. 
  • Regina - 1,9 cm di lunghezza. 
  • Con strisce nere e gialle alternate. 
  • Due serie di ali. 
  • Dalla vita stretta. 
  • Ha un pungiglione a lancia.

Ciclo vitale

  • Colonie annuali. 
  • La regina inizia a nidificare in primavera. 
  • Quantità aggressive nella tarda estate. 
  • Le colonie cominciano a diminuire entro l'autunno. 
  • Solo le regine inseminate nidificano durante l'inverno.

Abitudini

  • Alimentazione - in alcuni periodi dell'anno si cibano di insetti, compresi bruchi/mosche nocive e man mano che le colonie aumentano, queste vespe sono attratte da alimenti consumati dagli esseri umani. 
  • Puntura - pungono ripetutamente, pungono se provocate, con i sintomi che vanno dal gonfiore allo shock allergico potenzialmente letale. 
  • Visibilità - visibile durante il giorno, perché non vedono bene di notte. 
  • Nidificazione - in alberi e arbusti o dentro solai, intercapedini, sotto i pavimenti, nelle rimesse, sotto i portici/le grondaie degli edifici.

Ape mellifera

(Apis Mellifera)

Le api mellifere sono la specie allevata dagli apicoltori. 

Se hai un problema di api mellifere, contatta un allevatore locale o l'Agenzia regionale per la protezione ambientale, ente che sarà in grado di organizzare il trasferimento dello sciame.

Ape mellifera

Aspetti principali

  • Vivono nelle cavità degli alberi o nei camini, nelle intercapedini o nei sottotetti. 
  • Di dimensioni simili alle vespe, sono però più pelose e quasi completamente nere. 
  • Le api mellifere trasformano il nettare in miele e cera d'api. 
  • Le api mellifere arrivano e si posano sui rami degli alberi in sciami. 
  • Una colonia può spesso contenere oltre 30.000 individui. 
  • La popolazione è minacciata dall'acaro varroa.

Ape solitaria

(Osmia rufa)

Ape solitaria immagine

Aspetto

  • Spesso simile all'ape mellifera.

Ciclo vitale

  • Dimensioni delle colonie - piccoli nidi ciascuno dei quali gestito da una femmina. 
  • Luoghi preferiti per la nidificazione - spesso il terreno, a volte il cemento molle e la malta tra i mattoni. 
  • Costruzione del nido - vari materiali. Solitamente un nuovo nido ogni anno.

Abitudini

  • Sciami - non sciama. 
  • Svernamento - in genere durante la fase di pupa all'interno del nido. 
  • Preferenze alimentari - miele e polline. 
  • Punge di rado.

Ape della malta

(Amegilla sp.)

Queste api sono note come api della malta o della muratura perché amano nidificare in crepe o fori nei muri. Preferiscono restare vicino a muri che ricevono sole per gran parte della giornata. 

Le api della malta utilizzano fori naturali nei mattoni o nelle fughe di malta (soprattutto malta con elevato contenuto di sabbia o calce).

Ape della malta

Aspetti principali

  • Le api della malta sono innocue, non sono aggressive e non attaccano. 
  • Comprendono le specie Anthidium manicatum, Andrena fulva, Anthophora plumipes, Megachile e Osmia rufa.

Xylocopa virginica

(Xylocopa virginica)

Xylocopa virginica

Aspetto

  • 1,9-2,5 cm di lunghezza. 
  • Le femmine hanno il muso nero, i maschi giallo. 
  • Sul torace è presente una peluria che va dal giallo all'arancione o al bianco. 
  • Non presenta peluria sull'addome. 
  • Le femmine hanno un pungiglione, i maschi no.

Ciclo vitale

  • Scavano gallerie nel legno per deporre le uova. 
  • Il ciclo di vita completo, ovvero uovo, larva, pupa, adulto dura circa 7 settimane. 
  • La larva è grande e rumorosa. 
  • I nuovi adulti emergono dal nido alla fine di agosto.

Abitudini

  • Puntura - Pungono solo se provocate. 
  • Visibilità - Dalla tarda primavera alla metà di ottobre. 
  • Nidificazione - Legni teneri, scoperti, compresi sequoia, cedro, cipresso e pino. Ogni anno viene usato lo stesso nido. 
  • Ubicazione - I nidi si possono trovare nei cornicioni, tra gli infissi delle finestre, sulle pareti esterne, sui rivestimenti esterni, sulle terrazze rivestite di legno e sui mobili da giardino. 
  • Alimentazione - fiori che contengono polline, ad esempio fiori di pero, narcisi, viole del pensiero. Il polline viene conservato nei tunnel abbandonati per la stagione invernale.

Azioni

Contro le vespe

Metodi sicuri e professionali

Trova la TUA filiale locale

Digita il tuo CAP