Scarafaggi e lo zucchero

Scarafaggi - Blatte

Per maggiori informazioni 800 916272  o contattaci via email

Blatte in Azienda

I problemi di infestazione da Blatte alle nostre latitudini riguardano essenzialmente tre specie: Blatta orientalis, Blattella germanica, Periplaneta americana. In minor misura, possono essere rilevate infestazioni da parte di Supella longipalpa.
Blatte: scopri le specie

Deblattizzazione aziende: il monitoraggio blatte

Il servizio di monitoraggio blatte è lo strumento più qualificato per:

  • monitorare la specie infestante (individuazione dell’infestante, quantificazione degli infestanti presenti in rapporto a soglie di tollerabilità);
  • studiare l’andamento dell’infestazione nel tempo;
  • misurare l’efficacia di un trattamento correttivo;
  • contenere localmente la presenza delle blatte (tramite la cattura massiva).

Il monitoraggio blatte è pertanto indicato negli ambienti produttivi, nei magazzini di prodotti alimentari, in tutte quelle aree dove occorre minimizzare il rischio dato dalla dispersione di prodotti chimici, perché permette una gestione controllata di eventuali disinfestazioni.

Il monitoraggio delle blatte contempla l’uso di trappole collanti a feromone composte da superfici adesive attivate da sostanze chimiche, prodotte dagli insetti stessi e sintetizzate in laboratorio, usate come esca attrattiva.

Per una maggiore efficacia delle trappole di monitoraggio blatte è opportuno posizionarle lungo i perimetri dei locali, sotto i macchinari, vicino ai quadri elettrici, ecc., disponendole sia orizzontalmente sui pavimenti, che in verticale sulle pareti, a seconda della specie monitorata e delle esigenze operative.

Gli insetti catturati devono essere controllati periodicamente per valutare le soglie di rischio in base alla quantità catturata. Rentokil stabilisce la soglia critica di limite in base ai diversi fattori: periodo stagionale, ciclo biologico dell’insetto, area geografica, tipo di prodotto presente e destinazione d’uso dei locali.
La lettura dei dati raccolti dal monitoraggio presuppone la competenza di figure specializzate come tecnici disinfestatori e biologi.
Inoltre le trappole di monitoraggio devono essere controllate e il componente va rinnovato o sostituito periodicamente nell’arco dell’anno.

Deblattizzazione aziende: trattamento di eliminazione

I trattamenti di deblattizzazione mirano all’abbattimento della popolazione presente, ed alla prevenzione di nuove infestazioni. Per quanto le metodologie di prevenzione impiegate abbiano successo nell’eliminazione delle blatte presenti, non si può escludere in maniera assoluta il rischio di re-infestazione, che può essere causata ad esempio dall’ingresso di nuovi scarafaggi dall’esterno tramite prodotti infestati e imballaggi.
Le tecniche di deblattizzazione in azienda sono diverse e spesso si integrano: lotta chimica, lotta meccanica, trattamento con gel.

Lotta chimica

A seguito di sopralluogo vengono attuati due trattamenti ravvicinati nel tempo con uso di prodotti snidanti che agiscono per contatto e ingestione. Si effettuano due trattamenti per eliminare sia gli adulti - durante il primo trattamento di deblattizzazione - sia le giovani blatte uscite dalle ooteche durante il secondo trattamento.
I trattamenti di disinfestazione possono prevedere l’utilizzo di attrezzature e prodotti diversi in funzione delle realtà da trattare e delle specie target da colpire:

  • Irrorazione di sostanze insetticida con pompe a pressione o tramite lance direzionali in modo da trattare pareti, pavimenti e perimetri in ogni interstizio.
  • Eventuale trattamento di saturazione mediante nebulizzatori o con bombolette a svuotamento automatico.
  • Insetticidi in gel.

Per un risultato efficace e duraturo è necessario colpire il focolaio di infestazione o luogo di nidificazione-aggregazione che è diverso per ogni specie.

Lotta meccanica

La lotta chimica deve essere integrata con l’impiego di trappole adesive attivate con attrattivo alimentare ed eventualmente feromone di aggregazione che hanno un duplice scopo di monitoraggio e di cattura massiva. Le trappole possono essere utilizzate con profitto a scopo di monitoraggio, sia per valutare l’efficacia di un trattamento insetticida, sia per evidenziare la presenza di focolai di infestazione, in modo da intervenire tempestivamente con trattamenti localizzati.
Lo scopo è quello di gestire più razionalmente la lotta chimica arrivando ad un controllo puntiforme di ogni area a rischio e riducendo il numero dei trattamenti, secondo i più moderni criteri previsti dalle metodologie HACCP.

Trattamento con gel

I formulati in gel, costituiti da una base attrattiva alimentare e da un principio attivo tossico per ingestione, consentono due tipi di trattamento:

  • Disinfestazione costante, se applicati all’interno di appositi dispenser
  • Disinfestazione topica, se applicati con siringa direttamente nei punti infestati

Gli insetti vengono attratti dal gel, se ne alimentano e restano irrimediabilmente intossicati.
I trattamenti con gel offrono importanti vantaggi, che sono:

  • Effetto prolungato nel tempo
  • Trattamento effettuato in sicurezza
  • Il gel può essere utilizzato con estrema precisione
  • L’insetto viene attirato verso le postazioni senza avere poi possibilità di fuga
  • La sostanza attiva può essere trasferita da uno scarafaggio all’altro

Malattie blatte: rischi in azienda

La presenza di blatte all’interno di un’azienda può comportare una serie di rischi per dipendenti e clienti in grado di intaccare la reputazione di un’azienda sul lungo periodo. La pericolosità delle blatte è determinata dalle malattie che questi insetti possono trasmettere contaminando superfici e alimenti. 
Per approfondire i rischi determinati dalla presenza di blatte consulta la sezione blatte e malattie.


Contatta Rentokil

Trova la TUA filiale locale

Digita il tuo CAP