Come catturare un topo

Se ti sei chiesto come catturare un topo significa che hai individuato segnali della sua presenza in casa o azienda.

I topi sono tra gli infestanti più comuni all’interno degli ambienti domestici, grazie alla loro:

  • capacità di adattamento
  • agilità che gli consente di accedere a nuove aree di foraggio e di nidificazione
  • capacità di sfruttare al massimo ogni condizione potenzialmente favorevole

Queste caratteristiche sono le stesse che rendono particolarmente difficile catturare un topo. Ci si chiede spesso come catturare un topo in modo definitivo dopo svariati tentativi inefficaci.

Catturare un topo in casa: perché è importante?

L'ambiente umano può fornire le condizioni ideali ad una colonia di topi per prosperare. Capire come catturare un topo potrebbe aiutare a debellare un singolo componente della colonia ma, in caso di infestazione, non garantisce una soluzione definitiva.

Le infestazione di topi in casa sono più frequenti di quanto si pensi visto che i topi possono trovare in casa una facile disponibilità di cibo e la mancanza di predatori.

Condizioni ideali, come ad esempio cibo sufficiente, nessuna malattia, nessun sovraffollamento, nessuna predazione, permettono ad una coppia di topi di casa di essere teoricamente in grado di generare fino a 3000 topi in un anno.

Come catturare un topo quindi se il loro ciclo riproduttivo è così accelerato? La colonia di topi può crescere rapidamente e catturare un topo può significare ben presto doverne catturare un altro.

Prima di concentrarsi sulla cattura è importante capire se sono state prese adeguate misure preventive.

Come catturare un topo domestico o selvatico

La specie più comune da dover catturare in casa o in azienda è il topo domestico (Mus musculus). Questo tipo di topo può invadere edifici tutto l'anno e sopravvivere su una grande varietà di cibi.
Oltre al topo domestico c’è un’altra specie diffusa in tutta Europa, il topo selvatico.

Il topo selvatico preferisce vivere in aree verdi, rurali e tra le siepi. Si alimenta principalmente di sementi.
Con l’arrivo della stagione fredda riduce la sua attività e cerca in genere un caldo rifugio, è in questo periodo dell’anno che può introdursi in ambienti abitati dall’uomo. 
Sia i topi selvatici sia i topi domestici sono portatori di malattie anche gravi per l’uomo come salmonellosi, peste, tifo, toxoplasmosi e altre.

Catturare il topo che si è introdotto noi nostri spazi è molto importante per evitare malattie e il dilagare delle infestazioni. Per poter eliminare ed allontanare i topi in modo efficace è necessario individuare i loro percorsi, nascondigli e punti di accesso all’abitato.
Altrettanto importante è la conoscenza delle loro principali caratteristiche e abitudini.

I percorsi usati dai topi

I topi sono particolarmente agili e possono accedere negli edifici in molti modi:

  • Usando fili elettrici, recinzioni, pali, funi e cavi, viti, arbusti e alberi come percorsi;
  • Percorrendo quasi tutte le superfici verticali, come quelle in mattoni, pietra, legno, calcestruzzo, lamiera, plastica;
  • Strisciando lungo o attraverso tubi e condotti;
  • Strisciando lungo i tunnel metropolitani e le linee di comunicazione;
  • Rosicchiando e creando così passaggi attraverso molti tipi di materiali tra cui legno di bassa qualità, calcestruzzo, blocchi di cemento, gomma, fibra di vetro, plastica, piombo, alluminio;
  • Passando attraverso aperture da 0,6 cm di larghezza;
  • Saltando fino 30 cm orizzontalmente;
  • Saltando fino a 46 cm in altezza.

I punti di ingresso utilizzati dai topi

Una scarsa qualità nella progettazione e realizzazione degli edifici può consentire ai topi di entrarvi con maggiore facilità. Inoltre il deterioramento fisiologico dei materiali di costruzione permette loro di introdursi in locali chiusi.

Catturare un topo, intercettandolo in alcuni passaggi angusti, non è impresa facile. Una volta scoperti quali sono i percorsi usati dal topo per accedere nella nostra proprietà bisogna capire dove è possibile intervenire e come.

Un tecnico esperto è in grado di individuare i più comuni punti di accesso usati dai topi e le corrette misure preventive; oltre a capire come catturare il topo in casa devono quindi essere gestite tutte le azioni utili per impedire l’ingresso di nuovi roditori.

In particolare devono essere controllati:

  • Tubature
  • Condotti elettrici
  • Condotti di acqua e gas
  • Cavi dell’impianto di climatizzazione
  • Fessure e passaggi nella muratura
  • Tetto, coperture e pluviali
  • Griglie di areazione
  • Intercapedini dove è presente schiuma spray poliuretanica
  • Ingressi non provvisti di setole sotto porta
  • Eventuali finestre rotte
  • Incrinature nelle lastre in calcestruzzo
  • Incrinature in mattoni e blocchi di cemento a parete
  • Vani ascensore

Ogni sezione di un edificio ha un certo grado di rischio infestazione:

Attico

I topi possono accedere nelle soffitte o nell’attico attraverso la copertura del tetto, i camini, i pluviali e le tubazioni. Possono viaggiare facilmente da stanza a stanza camminando su travi, tubature e condotti. Il sottotetto è in genere apprezzato dai topi che qui trovano un ambiente ideale per nidificare. Il ratto nero o ratto dei tetti è, tra i ratti, il principale infestante di questa parte degli abitati.

Seminterrato / cantina

Scantinati e cantine possono avere molteplici punti di accesso. La condensa sulle tubazioni, favorita dall’umidità, è particolarmente gradita dai ratti marroni e topi.

Camino

Nei pressi della canna fumaria possono apparire con il tempo fessure nella muratura che permettono ai topi di entrare. È consigliabile inoltre sbarrare l’accesso al comignolo per evitare che topi e uccelli possano introdursi.

Porte

Porte e telai montati malamente oppure danneggiati possono fornire un comodo passaggio ai topi verso l’interno. Adottare setole sottoporta può in molti casi scoraggiare i topi invadenti.

Mobili

Dietro a cassetti, armadi e mobili da cucina vi sono molti nascondigli utili per un topo, dove poter nidificare o sostare indisturbati durante i loro tragitti.

Pareti

Le pareti sono punti di ingresso privilegiati per i topi grazie alla presenza delle cavità necessarie per il passaggio di fili elettrici e tubature. Una volta che i roditori sono entrati delle cavità nelle pareti possono accedere in vari punti dell’edifico grazie a fessure, griglie di areazione e prese elettriche danneggiate.

Pavimenti e soffitti

Le fondazioni e le lastre di cemento possono avere spazi e fessure grandi abbastanza per il corpo di un topo. Le cavità al di sotto dei pavimenti e una posa sbagliata del pavimento permettono al roditore di trovare agevolmente percorsi di entrata e uscita. Anche i controsoffitti sono un valido rifugio per i topi.

Finestre

Le finestre possono a volte essere dimenticate aperte o semiaperte, oppure presentare infissi danneggiati. In entrambi casi si tratta di gradite opportunità di ingresso per un topo.

Ascensori e montacarichi

I topi possono utilizzare i molteplici anfratti presenti nei vani ascensore per nidificare.

Tetto

Il tetto presenta molti punti di ingresso per un topo in caso di coperture danneggiate, tegole sconnesse, e anche grazie alla presenza di pluviali e grondaie.

Garage

I topi possono entrare sotto le porte del garage e attraverso porte aperte. Se il garage è adiacente ad una casa il topo troverà presto un ulteriore accesso all'edificio lungo le tubazioni, cavi elettrici, condotti, sfiati, scarichi e porte di accesso.

Sistema di esclusione

Prima di pensare come catturare un topo hai verificato come escluderne la presenza?

Controlla attentamente l’eventuale presenza di segni di topi intorno alla tua casa per determinare se e dove sono presenti. In genere il loro rifugio è vicino alle fonti di cibo.

Attenzione agli alimenti

Impedire ai topi l’accesso alle fonti di cibo è molto importante per liberarsene. Una corretta strategia ad esempio è quella di isolare i rifiuti alimentari all’interno di cassonetti chiusi, e di non lasciare cibo incustodito, neanche quando si tratta di quello destinato agli animali domestici.

Ogni piccola quantità di cibo consente ad un topo di sopravvivere per giorni.

Una conservazione ordinata e sigillata delle possibili fonti di cibo impedisce ai topi di nutrirsi e di individuare comodi nascondigli tra imballaggi e contenitori di cartone.

I topi possono arrivare a rosicchiare il legno, fogli di alluminio, piombo e tubi in rame e plastica bidoni.

Sistema di esclusione: il blocco di entrata e di vie di accesso

La chiusura di tutti i fori e fessure, anche molto piccole ti permette di sbarrare l’accesso ai topi. Non sottovalutare piccoli fori perché i topi, grazie ai loro potenti incisivi, sono in grado di ingrandire l’apertura per entrarvi, al contempo però possono avere maggiori difficoltà nel forare superfici lisce.

Se necessiti di una consulenza esperta per capire come catturare un topo e come adottare i corretti sistemi di esclusione per la tua realtà contattaci subito 800 916 272.